venerdì 21 aprile 2017

Il magico potere della dieta


Sono un'accumulatrice seriale. Con l'idea che tutto possa prima o poi tornare utile, conservo qualsiasi cosa. Vecchie riviste, bottoni, scatoline di latta, barattoli. Non arrivo ai famosi spaghi troppo corti per essere usati di Così parlò Bellavista, ma poco ci manca. E così, anno dopo anno, il mio micro studio di quattro metri quadrati si è trasformato in una specie di bazar dove ogni millimetro utile è occupato da una polverosa mercanzia. 

Non so più quante volte mi sono detta che c'era bisogno di una bella riordinata e non so quante volte ho rimandato: troppo noioso, troppo stancante, troppo avvilente, troppo impegnativo emotivamente. A furia di rimandare sono trascorsi quasi dieci anni.

Alla fine è stato lo studio a decidere per me, o meglio, lo ha fatto la mia scrivania. Di punto in bianco si è rifiutata di aprire i suoi tanti cassetti ed elargirne il prezioso (!) contenuto. Insomma, non ho avuto altra scelta che mettermi all'opera. Per due giorni ho visionato ritagli di giornale, vecchi quaderni, nastri stropicciati, videocassette, scatole, scatoline e scatolette, vecchi biglietti di auguri, tappi di champagne (ma quanto abbiamo brindato in questi anni? quanti eventi così memorabili da richiedere di serbare a imperitura memoria quel souvenir abbiamo vissuto? perché diamine non ho allegato a ognuno un bigliettino che mi aiutasse a ricordare?) e alla fine ho riempito tre sacchi condominiali della spazzatura.

Ora, vi prego di credermi, io non ho la sindrome delle Desperate Housewives, non sono una maniaca dell'ordine e Marie Kondo mi sta anche abbastanza sulle scatole, ma devo ammettere che questa impresa improba è stata per molti versi illuminante. Ma lo è stata in un modo del tutto inaspettato.

Più mettevo a posto e più pensavo che in fondo riordinare è come fare la dieta. Sei lì davanti allo specchio la mattina, quando ti vesti, e ti dici che dovresti proprio perdere quei cinque o sei chili (nel mio caso cinquanta o sessanta) ma subito dopo pensi che dovresti cucinare pasti separati per te e il resto della famiglia, che dovresti rinunciare agli inviti a cena fuori (che poi ormai si esce quasi solo per quello), che a breve ci sarà Natale/Pasqua/le vacanze estive o qualsiasi altro evento che renderà quasi impossibile seguire un regime alimentare, e ti fai prendere dall'avvilimento. Troppa fatica anche solo pensare di iniziare, meglio rimandare a un momento più propizio.

Senonché il momento più propizio - come accade tutte le volte che per fare qualcosa si attende il momento propizio - non arriva mai. Però arrivano i vestiti che non abbottonano più, il fiatone non appena si imbocca una salita, il caldo perenne, i problemi allo stomaco. Per farla breve succede che il tuo corpo si ribella proprio come si è ribellata la mia scrivania rifiutandosi di aprire i cassetti.

Allora non è più questione di scelta, allora sei costretta a fare la dieta. E all'inizio la fai controvoglia, pensando che i chili accumulati sono troppi, che non riuscirai a trovare la motivazione giusta, che non avrai la soddisfazione che ti aspetti. Ma poi pian piano accade il miracolo.

Accade che seguendo anche solo poche regole, ma precise e inderogabili, ti accorgi che molte delle tue abitudini erano per l'appunto solo abitudini, retaggi di una vita che ormai non ti appartiene più, e a quel punto te ne sbarazzi senza remore, proprio come io mi sono sbarazzata delle millemila piantine della metro di Londra tenute da parte per ricordo o perché "se poi dovessi tornare a Londra non avrei bisogno di prenderne una nuova" (lo so, sono una pervertita).

Al tempo stesso, eliminando il superfluo, scopri un mucchio di cose che avevi dimenticato di avere, esattamente come io ho ritrovato i vecchi quaderni fitti di appunti di quando ho iniziato a lavorare e la prima stesura delle sceneggiature la scrivevo ancora a mano. 

Io perdendo peso ho ritrovato l'amore per le lunghe passeggiate senza affanno, le scale fatte di corsa senza il dolore alle caviglie che mi costringeva a scendere uno scalino alla volta, il piacere di un vestito che è attillato perché così deve vestire e non perché non ci sto dentro.

E allora mi sono sentita bene e vittoriosa perché se è vero che non conosco quello che si prova quando finalmente si termina una dieta, so bene quello che si prova quando si finisce di rimettere in ordine una stanza. La si guarda e non la si riconosce. O meglio, la si guarda ed è sempre lei ma è più bella, più serena, armoniosa e piena di promesse mantenute.

Ecco, io voglio essere esattamente così.



Crocchette di cavolfiore
dosi per una dozzina di crocchette

Cavolfiore 750 g al netto degli scarti
Uova 2
Parmigiano grattugiato 60 g
Prosciutto di Praga tritato 50 g
Edam grattugiato 30 g
Pangrattato 4 cucchiai
Olio evo 2 cucchiai
Sale e pepe

Questa ricetta è molte cose tutte insieme. È una classica ricetta svuota frigo (come si evince dai 30 g di Edam), è una ricetta aguzza l'ingegno per chi segue una dieta, è una ricetta versatile (cambi salume, cambi formaggi, elimini salumi e formaggi), ma soprattutto è una ricetta tanto deliziosa quanto semplice da preparare. Talmente facile che per spiegarla bastano poche righe.

Lessate il cavolo (potete cuocerlo anche al vapore), mettetelo in una ciotola e schiacciatelo con una forchetta fino a ottenere una sorta di purea grossolana. Quando si sarà raffreddato mescolatelo con le uova, il prosciutto e i formaggi, quindi formate delle palline che poi schiaccerete leggermente e passerete nel pangrattato. Sistemate le crocchette su una teglia rivestita di carta forno, conditele con un filo d'olio e cuocetele in forno preriscaldato a 180° per una cinquantina di minuti.

Tutto qui? Sì, tutto qui.

7 commenti:

  1. Una delle cose più belle che possono capitarmi nella giornata : trovare un tuo nuovo post . Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È vero leggerti è un piacere....delicata e divertente

      Elimina
  2. Benedetta cara, è stato un piacere approdare al tuo blog e leggere il tuo post! Al legame tra la dieta e il mettere in ordine/eliminare il superfluo non avevo mai pensato ma mi trovi d'accordo!
    È stato un piacere conoscerti e incontrarti a Milano! Spero la prossima volta di approfondire meglio la nostra conoscenza! Mimma

    RispondiElimina
  3. io mi sento tua complice. e spero arrivi quel momento propizio subito, tu me ne fai venire voglia. te ne sono grata.
    eve

    RispondiElimina
  4. Provo e riprovo ma la fatica è infinita. Intanto da domani inizio con la credenza del soggiorno carica di stovigliame inutilizzato da anni .... per il cibo cercherò di fare lo stesso. Grazie del post, arguto e sorridente.

    RispondiElimina
  5. ciao ho letto il tuo post volentieri piacevole e profondo.un abbraccissimo da carmen

    RispondiElimina
  6. Condivido in pieno. Dieta,riordino,scelte, scrittura, il difficile è iniziare, poi però... e' un po' come la follia del paracadutista... ciao!

    RispondiElimina